Vai al contenuto

DALLE “MACCHINE VORACI” DI PIRANDELLO AGLI SMARTPHONE – di Gianmarco Balbi

 

 

L’avvento della tecnologia ha comportato un profondo cambiamento nelle abitudini degli uomini, aiutandoli a svolgere ogni tipo di attività. In un primo momento, con il personal computer ed internet, successivamente con gli smartphone che ognuno di noi possiede. L’informatica è stata in grado di semplificare e velocizzare processi che precedentemente risultavano impensabili. Il semplice utilizzo della posta elettronica, ad esempio, è ad oggi indispensabile per chiunque, sia in ambito lavorativo che per uso personale. Attualmente, la maggior espressione di integrazione tecnologica nella vita di tutti i giorni è costituita dagli smartphone, presenti nelle tasche di tutti. Ci permettono di restare in contatto con i nostri cari, di informarci su ciò che accade nel mondo, di fotografare e riprendere tutto ciò che ci circonda.

Ma quanto ha effettivamente bisogno l’uomo di queste nuove tecnologie? L’evoluzione e l’utilizzo smisurato dei Social Network ha provocato una vera e propria dipendenza dalla macchina. È infatti impensabile, per chiunque, non possedere un profilo social su cui riportare le proprie esperienze giornaliere.

L’inarrestabile progresso tecnologico, del quale Pirandello colse la pericolosità con sorprendente anticipo sui tempi, è il soggetto del famoso romanzo Quaderni di Serafino Gubbio operatore, in cui l’autore narra di un operatore cinematografico, Serafino Gubbio che, durante le riprese di un film, registra un terribile ed improvviso attacco, del tutto inaspettato, di una tigre nei confronti di un attore. Nonostante lo shock, l’operatore continua a riprendere la scena, come fosse quasi obbligato dalla macchina. Ciò causa in Serafino Gubbio la perdita della parola. Nel romanzo – che fu pubblicato inizialmente con il titolo Si gira… (nel 1916) e nel 1925 con il titolo definitivo – Pirandello vuole rappresentare l’alienazione dell’uomo che, sottomesso alla macchina con cui opera, perde ogni possibilità di esprimersi, di comunicare. Perde il suo lato umano, diventando anch’egli una macchina, con il solo scopo di girare una manovella, senza più logica ed umanità.

Questo argomento, trattato più di 100 anni fa da Pirandello, è del tutto attuale e riscontrabile nella vita di tutti i giorni. La globalità di internet, dei social, delle mode ci ha resi schiavi di questi sistemi. Ormai si giudica una persona per i “like” ottenuti online, magari ricevuti da perfetti sconosciuti, oppure la si critica perché è controcorrente, contro le mode e, forse, perché rifiuta i canoni sociali, le “regole” dettate dai social network, diventando anche un bersaglio facile per il cyber-bullismo. L’alienazione, raccontata da Pirandello, è affatto presente nella società attuale, in cui la diversità è spesso disapprovata e l’omogeneizzazione dei gusti e delle preferenze, dapprima personali, è sempre più presente: l’omologazione regna sovrana. Nonostante ciò, la tecnologia ci ha effettivamente aiutato in molti aspetti della vita sociale. Ha reso i contatti più immediati e semplici, ha aiutato le persone con difficoltà motorie, patologie e disabilità a svolgere le attività più comuni. Protesi elettroniche, occhiali per la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale sono solo alcuni esempi di come il progresso possa far evolvere la società, senza considerare, poi, tutti i sofisticati macchinari di tipo medico-sanitario. È quindi doveroso considerare la tecnologia come un’integrazione necessaria alla vita dell’uomo. Ciò che è dannoso, dal punto di vista delle relazioni sociali, è la “dipendenza” dai social che essa può far sviluppare: la necessità di rimanere connessi con l’esterno, mutando del tutto i rapporti umani e la loro struttura. Dobbiamo spogliarci dalle “maschere” che indossiamo, presentarci come realmente siamo, senza filtri (fotografici), senza bisogno di approvazioni, senza paura di mostrarci diversi, liberi di pensare ciò che riteniamo più giusto. Utopia?

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

2 pensieri riguardo “DALLE “MACCHINE VORACI” DI PIRANDELLO AGLI SMARTPHONE – di Gianmarco Balbi Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: