Vai al contenuto

“DISSEZIONI”. LA PAROLA-BISTURI DI ANTONIO PIETROPAOLI

content

Antonio Pietropaoli – autore di queste gustose Dissezioni uscite presso Oèdipus qualche anno fa – è un raffinato studioso di letteratura del Novecento, un fine artigiano della parola, ma prima di ogni altra cosa è un “poeta civile”, nell’accezione “pasoliniana” del temine o, se si preferisce, un poeta underground, “da marciapiede”, come l’hanno definito altri due poeti “di razza”: Ferdinando Tricarico e Gabriele Frasca. Profondamente convinto della funzione etica della poesia – che deve anzitutto esprimere “cose”, pronunciarsi sui fatti, non gingillarsi con le parole -, Pietropaoli è homo politicus, immerso fino al collo nel proprio tempo, nella storia, nella società, alle quali guarda con distacco ironico, alle volte con sorriso beffardo, ma senza ombra di cinismo. L’imperativo contenuto nella poesia eponima che apre la raccolta è chiaro: evitare di porsi «al centro della scena» e scegliere piuttosto di stare «ai margini, in angolo» (Dissezioni) da dove è possibile scrutare con occhio limpido la realtà, «dissezionarla» a freddo, “autopticamente”, attraverso l’uso di una «penna petrosa», corrosiva, che scava nel fondo delle cose come la lama di un bisturi. Nelle sei sezioni che compongono il volumetto (Ritagli, Dissonanze, Poesie politiche, Dislocazioni, A una passante, e l’ultima e più corposa Scherzi e allegorie) e nelle altre poesie “sciolte”, l’ammaliante gioco fonico-ritmico dei versi ha di sicuro un effetto “ipnotico” sul lettore che, anche in solitudine, tenderà a leggerli a voce alta, scandendo bene le singole parole per meglio assaporarne i suoni; un gioco elegante che non si traduce mai in vuoto girotondo di parole, in compiaciuto esercizio metrico-stilistico. Le parole di Pietropaoli sono tutt’altro che lievi “fantocci sonori”, piuttosto sono lacerti di carne viva, frammenti di una «materia pulsante» (Poesia-farmaco) che il poeta, «tutto ridotto in pezzi e brani» (Ritagli 1), offre in dono «così come viene / e gli sovviene (sparati nelle vene)» (Dissonanze 5).

L’aspirazione-illusione del poeta (di ogni poeta) di orchestrare «divine dissolvenze» è da tempo crollata sotto i colpi di una cultura di massa, imbevuta di reality e pubblicità, che ha trasformato attori e opinionisti TV in nuovi idoli e profeti, sottraendo ogni tipo di legittimazione etico-politica all’azione degli intellettuali. L’uso insistito di proverbi, citazioni e luoghi comuni probabilmente è l’unico modo che resta al poeta per entrare in contatto con una società soggiogata dai new-media, dominata da blog e social network, responsabili di aver impoverito e omologato la nostra lingua oltre ogni misura. Quella che Serianni ha definito la “lingua di plastica” (fatta di slogan e detti popolari) è forse lo strumento adatto per parlare alla “tribù” («o italiani, brava gente intelligente / belli ma poveri, coriacei e ruspanti», Evviva Cava) e per denunciare storture e malcostume politico:

viviamo nel paese di cuccagna / dove si batte per un pugno di paglia / chi sa bene che sotto ogni magagna / c’è bello pronto un asino che raglia (Il paese di cuccagna).

Se la crisi è globale e la decadenza (sociale, politica, culturale) irreversibile, anche il linguaggio poetico non è immune dal degrado («lo strumento strimpella spelacchiato»). Eppure, le parole di Pietropaoli non hanno nulla di stantìo o di falso o di approssimativo, risuonano dure e taglienti anche quando sono quelle “logore” della tradizione letteraria o quelle un po’ insulse delle canzonette e dei proverbi; parole che, manipolate e ricollocate nei versi, si trasformano in colpi sparati da una «pistola fumante», bocconi di un cibo amaro da digerire che «ti sazia e ti spazia /contemporaneamente» (Poesia-farmaco).

Non dobbiamo insomma lasciarci ingannare dall’apparente leggerezza e facilità dei versi, nei quali dilaga la comicità beffarda e spesso oscena dell’autore attraverso la fitta trama di allitterazioni, assonanze, consonanze, paronomasie che fanno letteralmente esplodere i significanti senza però mai svuotarli dei significati: questi ultimi sono quasi sempre inattesi, “dislocati” altrove, annidati in parole che improvvisamente precipitano nel testo (in genere verso la fine) e ne dischiudono il senso. È il caso della poesia dedicata a Partenope, un ritratto crudo e duro della città di Napoli, reso ancora più incisivo dal gioco della citazione colta (nei due versi iniziali) e dall’estrema concisione degli enunciati:

così Partenope continua a tessere / la sua tela come un canestro di ginestre / una distesa di case bocca a bocca / un nido di vipere / un mare di boschi crepitanti / che il cuore dell’infame distoglie e rinfresca. Non la cattedrale nel deserto è cosa grave / ma che deserto e cattedrale son una cosa (Dislocazioni 6)

Ancora più inquietanti, per il loro sapore vagamente testamentario, sono i versi dell’ultima quartina di solo soletto:

solo soletto me ne vo per questi / testi tascabili tra bile e frottole / sapiente di niente / e a tutti i pretesti / restìo, in festa, pronto per la botola.

Le esibite citazioni colte, il gioco delle allitterazioni, il tono complessivamente canzonatorio e auto-ironico non riescono certo a nascondere – qui come in altri testi – il sentimento angosciante di una vecchiaia presentita e assai temuta. «Abitiamo lo spazio / siamo abitati dal tempo» (p. 91) recitano gli ultimi due versi de Il tempo ritrovato in cui, tra citazioni proustiane e baudelairiane e rime raffinate, emerge l’immagine di un poeta che si è lentamente dissanguato («un poco al giorno»), che si è disamorato «della vita / come della morte / fino ad incartapecorirsi». La vecchiaia, odiosa e indecente, è per il poeta «un aratro senza pietà» che travolge ogni cosa, scava nel corpo:

a fatica mi allaccio le scarpe / […] / invecchio riflesso in uno specchio / mi cruccio per i miei intoppi (Larve)

La vista indebolita induce a «fissare punti fermi / assodare qualcosa», ovvero a fare dolorosi e inutili bilanci («tutto frana sfuma dilegua»). Anche gli amici e i familiari sono coinvolti nella frana del tempo che corrode l’unità della cellula-famiglia (che «petalo a petalo si sfoglia») e incrina il significato delle parole («le parole si scheggiano / mi avvito nel vuoto»). Il sentimento della fine che si appressa spaventa il poeta, rischia di paralizzarlo nei ricordi, di ridurlo al silenzio; meglio forse sfidare la morte «a viso aperto» e beffarla con un uso “straniato” del linguaggio, la cui affilata ironia lascia l’amaro in bocca, scava impietosamente nel fondo tragico dell’esistenza.

Antonio Pietropaoli, Dissezioni, Oèdipus, Salerno/Milano 2011, pp. 96. La recensione completa, apparsa sulla rivista “Poetiche”, fasc. 2-3, 2011, è consultabile in pdf al seguente indirizzo:
http://www.mucchieditore.it/images/ExtraRiviste/ExtraPoetiche232011RecOttieri.pdf

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

One thought on ““DISSEZIONI”. LA PAROLA-BISTURI DI ANTONIO PIETROPAOLI Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: