Vai al contenuto

LEZIONE # 1 – Fonologia e ortografia: suoni e segni della lingua italiana

1) FONOLOGIA E ORTOGRAFIA

La lingua nasce, in origine, come un insieme di suoni. Nel passaggio dalla lingua parlata alla lingua scritta i suoni diventano segni, ovvero combinazioni di lettere che formano parole.

La FONOLOGIA è la parte della grammatica che studia i “suoni” (fonemi= da phoné, voce) e il modo in cui essi, combinandosi tra loro, comunicano significati.

L’ORTOGRAFIA è la parte della grammatica che studia i “segni” (grafemi= da gràpho, scrivo) di cui ci serviamo per scrivere correttamente i suoni.

L’alfabeto è dunque un codice costituito da grafemi (consonanti e vocali) che rappresentano l’insieme dei suoni di una lingua. Il nostro è un “alfabeto fonetico”, in quanto ad ogni segno corrisponde un suono (anche se non sempre in modo univoco).

2) DUBBI ORTOGRAFICI

Spesso l’uso degli accenti e degli apostrofi genera dubbi e incertezze in chi si accinge a scrivere un testo. Se utilizziamo il computer, il dizionario ortografico del programma di scrittura (Word) segnalerà e/o correggerà automaticamente i nostri errori (ma non tutti). E se scriviamo a mano? Siamo in grado di distinguere l’accento acuto da quello grave? Siamo in grado di utilizzare in modo corretto le regole dell’elisione e del troncamento?Riportiamo di seguito una scheda sintetica che potrà aiutarvi a sciogliere i dubbi e a evitare errori ortografici grossolani.

ACCENTI

  • Sulle vocali finali A, I, U laccento è sempre grave (`)

più – già – così – dà (per distinguere la voce del verbo “dare” dalla preposizione uguale) – (avv. di luogo, per distinguerlo dall’articolo “la”) – (avv. di luogo, per distinguerlo dal pronome personale “li”)

  • Sulla vocale finale E può essere sia acuto ( é ) che grave ( è)

caffè – tè – è – cioè vogliono l’accento grave (pronuncia aperta) 

perché – affinché – giacché – sé (pronome, ma se scrivo “se stesso” l’acc. non ci vuole) – né…né (congiunzioni coordinate; “ne” particella pronominale non vuole l’accento: “il caffè è buono, ne vuoi un po’?”) vogliono l’accento acuto (pronuncia chiusa)

  • Sulla vocale finale O, l’accento è sempre grave, perché in italiano la o finale accentata viene sempre pronunciata aperta

andò, farò, però, oblò

APOSTROFI

L’elisione: è la perdita, sia fonetica che grafica, della vocale finale atona (non accentata) di una parola davanti alla vocale iniziale della parola seguente. Il segno grafico che indica la caduta della vocale è l’apostrofo. (esempi: l’amica, quell’uomo, un’altra, bell’esempio, Sant’Antonio)

L’apocope o troncamento: è la caduta dell’elemento fonico (vocale o sillaba) davanti a parole che possono cominciare per consonante o per vocale. La caduta non è segnalata dall’apostrofo (esempi: un uomo, buon uomo, San Vito). “Qual è” si scrive senza apostrofo!

L’apostrofo, dunque, segue il fenomeno dell’elisione. Tuttavia vogliono l’apostrofo anche:

  • alcune parole che hanno subito il troncamento di un’intera sillaba

po’ (poco)

mo’ (modo)

ca’ (casa, veneziano)

  • alcuni imperativi

da’ /dai (da’ retta a tua madre!)

di’ / dici (di’ pure quello che pensi)

fa’ / fai (fa’ presto!)

sta’ / stai (sta’ zitto!)

va’ / vai (va’ e torna subito!)

Non dimentichiamo che:

  • le vocali e ed o possono essere aperte e chiuse;
  • l’unione di due vocali in una parola si chiama dittongo (ieri, mio, quasi); se le vocali sono tre: trittongo (miei, tuoi, aiuola);
  • se due vocali vicine si pronunciano separatamente si ha uno iato (paura, poeta);
  • la sillaba è la parte di una parola che si può pronunciare con una sola emissione di voce. A seconda del numero delle sillabe, abbiamo i monosillabi (ma), i bisillabi (ra-mo), i trisillabi (na-tu-ra), i polisillabi (in-con-sa-pe-vol-men-te);
  • per una corretta divisione in sillabe occorre conoscere le regole della sillabazione.

Dissipiamo alcuni dubbi…

Forma corretta Forma sbagliata Forma corretta Forma sbagliata
all’incirca allincirca quant’altro quantaltro
d’accordo daccordo senz’altro senzaltro
d’altronde daltronde tra l’altro tralaltro
l’altr’anno laltranno, l’altranno tutt’e due tuttedue, tutteddue
poc’anzi pocanzi tutt’oggi tuttoggi
davanti d’avanti tutt’uno tuttuno

Non si deve mai mettere l’apostrofo: negli avverbi composti di ora (finora, sinora, tuttora, etc.), anche se fa eccezione mezzora, poiché è corretto scrivere anche mezz’ora.

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

2 pensieri riguardo “LEZIONE # 1 – Fonologia e ortografia: suoni e segni della lingua italiana Lascia un commento

  1. Molto interessante! Grazie! Le pongo una domanda in merito all’accento sulla vocale E. Quando e come si può dedurre il tipo di accento da apporre sulla vocale E? Ad es., se non lo sapessi aprioristicamente, come posso riconoscere che perché vuole l’accento acuto anziché grave?
    La ringrazio in anticipo della sua cortese risposta. Saluti

    "Mi piace"

    • Ciao Elisa, scusa se rispondo solo ora, ma ho trascurato un po’ il blog negli ultimi tempi. L’accento indica se la pronuncia della vocale è aperta o chiusa! Pronuncia chiusa =accento acuto (perché, affinché, ecc.) pronuncia aperta = accento grave (caffè, tè)…Ciao

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: