Vai al contenuto

MACHIAVELLI E GUICCIARDINI. Appunti sintetici

LA VISIONE LAICA DELLA REALTA’. Niccolò Machiavelli e Francesco Guicciardini sono due figure esemplari del Rinascimento italiano, entrambi fiorentini, educati ai valori laici della cultura umanistica, profondamente coinvolti nella vita politica e culturale della propria città. Due figure in un certo senso complementari, nella loro diversità di pensiero; si conobbero e si stimarono reciprocamente, ma ebbero un modo assolutamente diverso di concepire la storia e di interpretare la realtà e l’animo umano. Machiavelli, com’è noto, è il padre della scienza politica moderna, ovvero della politica intesa come “dottrina” autonoma svincolata dai condizionamenti religiosi e morali e fondata invece sull’osservazione concreta della realtà (quella che lui chiama la “verità effettuale”). Anche Guicciardini ha un approccio alla realtà di tipo “laico” e razionale, ma i parallelismi tra i due autori finiscono qua, in quanto profondamente diverso è il loro pensiero riguardo alla concezione della storia, della natura umana, dei concetti di fortuna e di virtù.

LA CONCEZIONE DELLA STORIA. Innanzitutto, per Machiavelli (fedele al principio umanistico dell’importanza dello studio e dell’imitazione dei classici), la storia è fonte di esempi che possono essere dei modelli da adottare nel presente, in quanto essa è regolata da leggi immutabili che si ripetono sempre uguali e che si possono studiare. Al contrario Guicciardini è scettico, ritiene che la storia sia così multiforme e instabile da non poter offrire insegnamenti validi e modelli di vita; l’uomo, anzi, deve saper usare la “discrezione” (dal verbo latino “discernere” = scegliere, distinguere), ovvero deve saper valutare razionalmente le singole situazioni per operare delle scelte utili per se stesso (per il proprio “particulare” che coincide con la buona reputazione, la difesa della dignità e dell’onore).

LA FORTUNA E LA VIRTU’. Ma è soprattutto sul concetto di fortuna che emergono profonde differenze tra i due scrittori, in quanto se per Machiavelli la fortuna condiziona solo per metà le vicende umane e può essere almeno in parte controllata dalla virtù, per Guicciardini, invece, la virtù non può opporsi alla fortuna che è in grado di sconvolgere qualsiasi azione o progetto umano. Ma cosa intende Machiavelli per virtù? Certamente lo scrittore non si riferisce alla virtù in senso religioso o morale ma alla capacità del principe di agire per “la conservazione” e il “rafforzamento dello stato”. Il principe, infatti, non deve farsi scrupolo di compiere “atti moralmente tutt’altro che virtuosi, fino all’assassinio” (Il principe, cap. XV, Rizzoli, Milano, 1999, trascrizione di P. Melograni), se questi atti sono compiuti per il bene dello stato.

L’ANIMO UMANO. Machiavelli parte dal presupposto che l’animo umano sia per natura malvagio e che quindi, compito del principe sia quello di tenere a bada il popolo con ogni mezzo, anche usando la paura, la violenza e l’inganno; diverso è il pensiero di Guicciardini, per il quale, invece, “tutti gli uomini sono inclini per natura più al bene che al male” e se scelgono il male è solo perché “è tanto fragile la natura degli uomini e sono così frequenti le occasioni che invitano al male, che gli uomini si lasciano facilmente deviare dal bene” (F. Guicciardini, Ricordi, trascrizione di G. Genghini).

SCETTICISMO VS UTOPIA? Alla luce di quanto detto fin qui, potrebbe sembrare che tra i due intellettuali il più cinico e disincantato sia Machiavelli; in realtà, Guicciardini, con il suo scetticismo nei confronti della storia e con la sua teoria del “particulare”, rappresenta appieno la crisi dei valori rinascimentali, soprattutto quando afferma che la vita dell’uomo è in balìa della fortuna e smentisce il motto umanistico dell’“homo artifex sui”. In Machiavelli, invece, non solo troviamo ancora la fiducia umanistica nella storia come “magistra vitae”, ma abbiamo addirittura uno slancio utopistico, il “sogno” di un’Italia non più dominata dagli stranieri e finalmente unita, un sogno affidato ad una figura ideale, un principe capace di risollevare le sorti di una terra “senza capo, sanza ordine, battuta, spogliata, lacera”. In questo senso va letta – secondo Santagata – l’esortazione a Lorenzo dei Medici “a farsi ‘redentore” dell’Italia”, un’esortazione con la quale “il libro si allarga a una prospettiva di politica nazionale” (M. Santagata, La letteratura nei secoli della tradizione, Laterza, Bari, 2007), sfiorando, appunto, l’utopia.

 

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

2 pensieri riguardo “MACHIAVELLI E GUICCIARDINI. Appunti sintetici Lascia un commento

  1. Ho riletto da poco uno scritto non molto moto di Machiavelli, “Discorso o dialogo intorno alla nostra lingua”, con le riflessioni se fosse toscana, fiorentina o italiana… prezioso per le considerazioni sulle differenze tra i dialetti dell’epoca, e quello che hai definito “slancio utopistico” di Machiavelli che sognava un’Italia unita si ritrova anche lì.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: