Vai al contenuto

LEZIONE # 11 – Il testo argomentativo (tema/saggio breve)

Cos’è un testo argomentativo?

“È un testo in cui si espone un’idea, una teoria, un’interpretazione di fatti o fenomeni motivandola con argomentazioni logiche, con esempi, tramite la confutazione di opinioni o teorie opposte o divergenti”. (cfr. www.vitellaro.it). Può essere con o senza dossier. Il testo argomentativo senza dossier è il cosiddetto tema. In questo caso vi è una “traccia” piuttosto lunga e articolata nella quale troviamo indicati l’argomento da analizzare e anche la prospettiva da cui partire, ovvero il “taglio” da dare al nostro elaborato. Non avendo a disposizione un dossier di documenti da consultare (e dal quale prelevare informazioni, opinioni e dati), dovremo fare tutto “da soli”, attingendo al nostro bagaglio di conoscenze ed esperienze. Il testo argomentativo con dossier è il cosiddetto saggio breve”. Quest’ultimo non prevede la “traccia” ma solo l’indicazione sintetica di un argomento da sviluppare con il supporto di una serie di brevi testi. Il dossier può essere più o meno ampio e formato da “fonti” di vario tipo:

  • fonti oggettive: dati certi, indiscutibili (statistiche, grafici, tabelle, percentuali)
  • fonti soggettive: letterarie, iconografiche, storico-filosofiche, giornalistiche

Come va utilizzato il dossier?

I documenti del dossier possono contenere semplici informazioni (nel caso di dati e percentuali) oppure opinioni (di studiosi, esperti, giornalisti, scrittori) sull’argomento in oggetto. Noi utilizzeremo informazioni e opinioni contenute nel dossier per dare forza alla nostra tesi, mentre confuteremo con argomentazioni logiche le opinioni contrarie alla nostra. È tassativamente vietato “plagiare” i testi del dossier! Questi ultimi vanno letti con attenzione e opportunamente utilizzati. Possiamo scegliere di riportare fedelmente le frasi di un documento e quindi le citiamo tra virgolette, oppure possiamo parafrasare il testo (cioè riscrivere con parole nostre il pensiero di un autore): in entrambi i casi dobbiamo indicare la fonte tra parentesi o in nota (nome dell’autore, titolo del libro o del giornale da cui è tratto il documento, data di pubblicazione). Ricordiamoci che il dossier deve essere solo un aiuto, un punto di partenza per sviluppare un discorso autonomo e originale.

Quali sono le caratteristiche di un testo argomentativo? 

  • Ha un CARATTERE INTERPRETATIVO (soggettivo) perché esprime il punto di vista dello scrivente (la sua opinione in merito ad un argomento/idea/teoria, ecc.)
  • È un TESTO PERSUASIVO perché chi scrive si propone di
    • Convincere della validità di una idea/teoria/posizione
    • Difendere le proprie opinioni
    • Criticare una posizione/idea contraria
    • Esaltare un’idea/un oggetto/una persona

Chi sono i destinatari?

  • Può avere CARATTERE SPECIALISTICO e rivolgersi agli addetti ai lavori. In tal caso deve essere molto approfondito e proposto in una forma complessa.
  • Oppure può avere CARATTERE DIVULGATIVO e rivolgersi a un pubblico più vasto e non sempre preparato ad affrontare il tema trattato. In questo caso lo svolgimento e il linguaggio devono essere chiari e semplici.

Sono testi argomentativi:

  • Articolo di giornale (fondo/editoriale/articolo di opinione)
  • Saggio scientifico
  • Tesi di laurea
  • Recensione/resoconto con giudizio di valore
  • Discorso elettorale
  • Panegirico/elogio

Come si scrive un testo argomentativo?

La stesura di un testo argomentativo segue uno schema fisso, ma non rigido:

  • Titolo coerente con la trattazione (è preferibile sceglierlo dopo aver steso il testo)
  • Presentazione del problema:
    • introduco i fatti ed eventualmente…
    • …chiarisco le mie fonti (se ci sono)
  • Formulazione della tesi:
    • espongo il mio punto di vista sul problema
  • Sviluppo argomentativo:
    • Espongo almeno 3 argomentazioni a sostegno della mia tesi (un testo argomentativo che contenga meno di 3 argomentazioni è privo di forza dimostrativa e, quindi, è facilmente confutabile)
    • Ogni argomentazione va contenuta in un capoverso/paragrafo
    • Osservazioni, fatti, esempi, riflessioni, dati statistici possono risultare utili per dare forza alla mia tesi
  • Confutazione:
    • Illustro rapidamente i punti di vista alternativi al mio…
    • ….per dimostrarne l’intrinseca debolezza!
  • Conclusione:
    • Riepilogo brevemente quanto già detto, prima di “tirare le somme” del discorso. La conclusione può essere perentoria (riaffermo la mia tesi con convinzione) o “aperta” (ribadisco la mia tesi ma in modo problematico, sollevando ulteriori interrogativi)

Il testo argomentativo deve essere strutturato in modo coerente (sul piano logico-concettuale) e coeso (sul piano della lingua e dello stile). È consigliabile l’uso di certi “ingredienti”:

  • uso massiccio di connettivi per dare consequenzialità al ragionamento. Nessi di tipo causale, avversativo, finale, temporale, concessivo, ecc.: “ecco dunque che”, “per questo motivo”, “nonostante ciò”, “dopo che”, “affinché”, “ma”, “tuttavia”, “sebbene”, ecc.
  • uso di metafore e similitudini (per colpire l’attenzione del lettore e rendere più fruibile l’argomentazione).

Ricorda inoltre che…

  • È importante adeguare il taglio (scientifico, divulgativo) e il registro (formale, informale) alla collocazione editoriale e al pubblico cui ci si rivolge (rivista specializzata? Giornalino scolastico?).
  • Non dimentichiamo che si scrive per il lettore e non per parlare di sé o per far “sfoggio di cultura”. Il lettore deve sempre essere al centro del testo.
  • Occorre evitare formulazioni del tipo “io penso che”, “a mio parere” in quanto la personalità del testo scaturisce dalla rielaborazione soggettiva dei contenuti, non dalla ripetizione ossessiva “Io penso…Io credo…secondo me…”.
  • Sono consigliabili formule del tipo:  “È opinione comune”, “Siamo d’accordo/non siamo d’accordo con l’opinione di…”, “È condivisibile/non è condivisibile il giudizio di…”, “Riteniamo/non riteniamo valida l’idea di…”, “Concordiamo/non concordiamo…”, “Non possiamo essere/non essere d’accordo su quanto afferma Tizio…”, ecc.

 

 

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: