Vai al contenuto

MANZONI, VERGA, D’ANNUNZIO. TAVOLA SINOTTICA – con Leo Sorano & Co.

Pubblico volentieri la seguente tavola sinottica, costruita con l’aiuto di Leo Sorano e degli altri studenti della mia VC (“Elena di Savoia”, Napoli). La tabella – volutamente sintetica e semplificata – intende riassumere in pochi passaggi il contenuto di lunghe discussioni fatte in aula sulla fondazione (e rifondazione) del romanzo italiano.

 

AUTORE MANZONI

(1785-1873)

VERGA

(1840-1922)

D’ANNUNZIO

(1863-1938)

OPERA I promessi sposi

(ed. def. 1840-42)

 

I Malavoglia

(I ed. 1889)

Fa parte del “Ciclo dei vinti”

Il piacere

(I ed. 1889)

Fa parte della trilogia dei “Romanzi della rosa”

 

GENERE

 

Romanzo storico Romanzo verista Romanzo decadente

 

 

STRUTTURA

 

Lineare: ordine logico cronologico degli eventi interrotto da digressioni (Fra’ Cristoforo; Monaca di Monza)

 

Lineare Lineare, nonostante un lungo flashback iniziale (rottura della relazione tra Andrea Sperelli e Elena Muti)
NARRATORE

E PUNTO DI VISTA

 

Esterno, onnisciente.

Il narratore osserva dall’alto, interviene, commenta, giudica, si rivolge ai lettori

 

Esterno, impersonale.

“Regressione” del punto di vista: il narratore annulla la distanza tra sé e il mondo che racconta

Esterno, con focalizzazione alterna.

A volte il narratore è onnisciente, altre volte assume il punto di vista del protagonista

 

SPAZIO E TEMPO

 

 

Tra Lecco e Milano nel 1600.

Periodo della dominazione spagnola e della peste

 

Aci Trezza (Sicilia), 1863-1878.

Periodo post-unitario: povertà e degrado del Sud Italia (“questione meridionale”, tasse e leva obbligatoria)

 

Roma tra il 1885 e il 1887 e Villa Schifanoja, presso Ferrara.

Periodo della Belle Époque, Roma “bizantina”, sfarzosa e decadente

 

PERSONAGGI

 

Sono gli “umili”.

Perseguitati dai potenti, vittime della storia, gli umili risultano alla fine “vincenti” grazie alla fede nella Provvidenza

 

Sono i “vinti”.

Nella “lotta per la vita” sono i perdenti, i più deboli, travolti dal progresso e (a differenza degli “umili” manzoniani) senza possibilità di riscatto

 

Sono l’esteta (il dandy) e la “femme fatale”

Belli e aristocratici, inseguono il piacere e il lusso, ma sono egoisti, cinici, incapaci di rapporti autentici, destinati all’isolamento

 

LINGUA

 

Fiorentino vivo parlato dalla gente colta di Firenze. Anche Renzo, Lucia, e gli altri personaggi popolari del romanzo parlano questa lingua

 

 

Italiano regionale (con espressioni dialettali, proverbi, soprannomi tipicamente siciliani). Ricorso al discorso indiretto libero

 

 

Lingua elegante, raffinata e musicale (parole rare e preziose, francesismi, latinismi). Uso del simbolismo.

 

MESSAGGIO

 

Il romanzo della Provvidenza.

La visione pessimistica della storia si stempera grazie alla concezione della “Provvida sventura” (sofferenze e sventure possono condurre alla salvezza chi è animato da fede sincera)

“Ideale dell’ostrica” e “Religione della famiglia”.

Chi abbandona le proprie origini e le tradizioni familiari non ha nessuna possibilità di riscatto ed è destinato al fallimento

Il manifesto dell’Estetismo.

Fondato sulla teoria dell’“arte per l’arte” e costruito sull’introspezione psicologica del personaggio, il romanzo rappresenta il definitivo superamento del Naturalismo

 

 

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

Pietra d'Ambra

Parole come pietre, parole su pietra, parole di pietra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: