Vai al contenuto

CREPUSCOLARISMO – Appunti sintetici

Il “crepuscolo” della poesia. Fu il critico Giuseppe Antonio Borgese, in un articolo dedicato a M. Moretti, F. M. Martini, C. Chiaves (“La Stampa”, 01/09/1910) a definire “crepuscolare” questo nuovo tipo di poesia nata dalle “ceneri” della grande tradizione poetica italiana (la linea Leopardi-Carducci-Pascoli-D’Annunzio). Il crepuscolo è il tramonto, la fine del giorno, e i giovani poeti crepuscolari (con il loro stile dimesso e anti-sublime, la voluta prosaicità e i toni umbratili delle loro poesie) si collocavano al termine della grande stagione poetica ottocentesca che si consumava in “un mite e lunghissimo crepuscolo”.

Le influenze. Sicuramente il Pascoli di Myricae – il poeta-fanciullo delle piccole cose, cantore della vita umile di provincia e della quotidianità – ha influenzato temi e toni della poesia crepuscolare. Tuttavia se il poeta-fanciullo pascoliano prova felicità nella sua voluta regressione al mondo delle piccole cose, i poeti crepuscolari vagheggiano solo intellettualisticamente quel mondo provinciale (con malinconia o ironia) al quale sentono di non aderire fino in fondo. Anche D’Annunzio, fortemente avversato e radicalmente distante dai crepuscolari per ispirazione e contenuti, ha esercitato una qualche suggestione su questi giovani poeti. Non ci riferiamo, ovviamente, al D’Annunzio “esteta” de Il piacere (1889), né al D’Annunzio de Le vergini delle rocce (1895), cantore del superuomo, ma all’autore del Poema paradisiaco (1893), l’opera in cui il vate abruzzese si presenta come poeta della “bontà”, adotta toni più bassi e colloquiali e temi più intimi.

I temi e lo stile. Il Crepuscolarismo non è un movimento poetico omogeneo. Moretti, Gozzano, Martini, Corazzini seguono percorsi differenti, tuttavia è possibile individuare alcuni temi ricorrenti:

  • Rifiuto della società borghese, affaristica e legata ad interessi meschini. Avversione per il dannunzianesimo imperante
  • Critica all’ottimismo progressista di matrice positivista cui si sostituisce un senso di impotenza e di malinconia esistenziale
  • Senso di estraneità ed esclusione sociale e conseguente desiderio di ripiegamento interiore
  • Vagheggiamento della vita di provincia lenta e monotona.
  • Rappresentazione di ambienti dimessi, giardinetti pubblici trascurati, organetti di Barberia, fontane che gocciolano, corsie di ospedale.
  • La malattia (spesso associata a patetismo e autocommiserazione)

La scelta di contenuti “bassi” comporta, sul piano formale, l’adozione di uno stile “anti-sublime”, prosastico, un lessico semplice e quotidiano, il rifiuto della metrica preziosa e l’adozione (spesso) del verso libero.

Due poeti crepuscolari. Sergio Corazzini (Roma, 1886-1907) e Guido Gozzano (Aglié, 1883-1916) sono i due esponenti più significativi della poesia crepuscolare, diversi per ispirazione e moduli espressivi (patetismo del primo vs ironia del secondo), ma accomunati da alcune circostanze:

  • provengono da famiglie borghesi agiate
  • muoiono giovani, di tubercolosi
  • presenza in entrambi di influssi simbolisti

CORAZZINI non è un provinciale, nasce a Roma e affida alla poesia la sua disperazione di “fanciullo malato” destinato ad una fine precoce (muore a soli 21 anni). Desolazione del povero poeta sentimentale (contenuta ne Il piccolo libro inutile del 1906) è il suo componimento più celebre (8 strofe di versi liberi). In questa poesia, dai toni umili e dimessi, la disperazione del fanciullo sofferente, che rifiuta l’etichetta di “poeta”, sconfina nel patetismo e nell’auto-commiserazione.

Perché tu mi dici: poeta?
io non sono un poeta.
Io non sono che un piccolo fanciullo che piange.
Vedi: non ho che le lagrime da offrire al Silenzio.
Perché tu mi dici: poeta? (vv. 1-5)

La poesia e la religione si presentano come le uniche ancore di salvezza, rimedi precari alla desolazione e alla solitudine del giovane poeta.

GOZZANO nasce in provincia di Torino e, a differenza di Corazzini, ha modo di frequentare ambienti giornalistici e culturali. Nel poemetto narrativo La signorina Felicita, ovvero la felicità (contenuta ne I Colloqui del 1911 ), i sopracitati temi crepuscolari sono rivisitati in chiave ironica e distaccata. Come scrisse Montale, Gozzano fa cozzare “l’aulico col prosaico”: i modi sono colloquiali ma colti e la metrica è raffinata (sestine di endecasillabi). L’ironica celebrazione della mediocre vita di provincia (alla quale il poeta finge di aderire) “abbassa” il sublime dannunziano e la dolorosa constatazione dell’impossibilità della poesia “alta” si traduce in “vergogna della poesia”:

Oh! questa vita sterile, di sogno!
Meglio la vita ruvida concreta
del buon mercante inteso alla moneta,
meglio andare sferzati dal bisogno,
ma vivere di vita! Io mi vergogno,
sì, mi vergogno d’essere un poeta! (VI, vv. 13-18)

Alessandra Otteri Mostra tutti

ALESSANDRA OTTIERI, dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (1998) e assegnista presso lo stesso Ateneo nel biennio 2000/2002, è docente a contratto presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (dal 2004).
Ha collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea presso il DIPSUM dell’Università degli Studi di Salerno. Presso lo stesso ateneo ha svolto attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (2010-2012) e ha conseguito un secondo dottorato di ricerca (2013).
Nel 2012 ha partecipato all'ASN (abilitazione scientifica nazionale) conseguendo l'idoneità al ruolo di professore associato di Letteratura italiana contemporanea. È docente di materie letterarie nella scuola superiore.
Tra le sue pubblicazioni: I numeri, le parole. Sul ‘Furor mathematicus’ di Leonardo Sinisgalli (Milano, Franco Angeli, 2002); L’esperienza dell’impuro. Filosofia, fisiologia, chimica, arte e altre “impurità” nella scrittura di Valéry, Ungaretti, Sinisgalli, Levi (Roma, Aracne, 2006); Fillia poeta e narratore futurista. Dal “futurcomunismo” al genere “brillante” (Napoli, Guida, 2013, nuova edizione accresciuta; I ed. Napoli, Dante & Descartes, 1999).
Dal 2004 è caporedattore della rivista di letteratura e arte «Sinestesie», per la quale ha curato alcuni numeri monografici, e dal 2010 è direttore, insieme a Carlo Santoli, del supplemento «Sinestesieonline».
Nel biennio 2007/2008 ha scritto elzeviri, cronache letterarie e d’arte per la terza pagina dell’«Osservatore romano».
Studiosa delle avanguardie e di poeti e scrittori del Novecento (Fillia, Sinisgalli, Ungaretti, Caproni, Valery, Primo Levi, Scialoja), ha pubblicato saggi e articoli su riviste letterarie e d’arte («Filologia & critica», «Filologia Antica e Moderna», «Critica letteraria», «Annali dell’Istituto Universitario Orientale», «Quaderni di scultura», «Wuz», «L’Isola», ecc.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Ettore Massarese

un navigatore cortese

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

tieniinmanolaluce

Un mondo piccolo piccolo, ma comunque un mondo

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Giovanni dichter Di Rubba

Blog "https://selendichter.wordpress.com/", autore del blog dottor Giovanni Di Rubba. Gli scritti, in lirica ed in prosa, presenti in questo blog sono opera dell'autore del blog, dottor Giovanni Di Rubba, e di sua proprietà.

Non si può essere seri a ventisette anni

Cronache semiserie di un contrabbassista metropolitano

women to be

http://womentobe.wordpress.com/

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

woman to be

http://womantobeonline.wordpress.com

ImparareInAllegria

imparareinallegria

Wanderlust

Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

Blind News

Notizie al buio!

Diciamolo in italiano

La rivoluzione culturale e linguistica contro l'abuso degli anglicismi

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Evelyn

Disegnatrice e lettrice ● La copertina che sogni per il tuo libro? La disegno io! ● Segnalibri #MythicGirls ● +400 iscritti su YouTube ● Seguimi su Instagram: @Evelyn_Artworks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: